Come organizzare un viaggio nei Balcani

Condividi il post sui social!

I Balcani sono una delle poche regioni in Europa ancora selvatiche, inesplorate, non omologate dalla cultura ‘occidentale’. Dove è ancora possibile essere i soli stranieri a zonzo nei piccoli centri. Dove niente si programma, tutto si incasina ma alla fine si risolve lo stesso, perché la gente si fa in quattro per aiutarti. Dove la storia ha lasciato degli ibridi unici e irripetibili che sopravvivono in un caos un po’ gitano, un po’ slavo, un po’ turco, ungherese, italiano, greco. Dove i panini venduti dai baracchini per le strade si chiamano ćevap sulla via per l’Oriente, e poi diventano kebab e gyros. Ecco una piccola guida a organizzare un viaggio nei Balcani in treno, in moto, bus, macchina, a piedi, in solitaria o perfino in autostop, come abbiamo fatto noi!

Una volta ho parlato per un’intera notte al buio con una ragazza russa, sorseggiando tè. Mi ha raccontato che certi luoghi sono luoghi per l’anima.

E’ un oracolo. Però credetemi: i Balcani lo sono davvero.

Nota importante: segue una guida molto esaustiva che ha aiutato migliaia di viaggiatori gratuitamente da quando è stata pubblicata. Ho creato un pdf impaginato e stampabile dei 3 post più letti sui Balcani, che ti guideranno passo passo nell’organizzazione fai da te di un viaggio nei Balcani: come organizzare un viaggio nei Balcani, cosa vedere nei Balcani e info e consigli per un viaggio nei Balcani on the road. Puoi decidere di scaricare il “Balcani trio” a fronte di una piccola donazione, per sostenere questo blog che, come vedi, non ospita banner pubblicitari. Il post rimarrà sempre disponibile gratuitamente online, ma scaricare il pdf è un modo per dirmi ‘grazie’ e dare valore al tempo speso curando un blog che non ospita alcuna pubblicità.
Per ora te lo dico io: grazie!

Usa il pulsante qui sotto oppure dai un occhio a tutti i pdf sul negozio online.

Buy on

Se vuoi leggere solo alcuni paragrafi, usa questo menù per andare dritto al sodo.

  1. Organizzare un viaggio nei Balcani: le basi
  2. Itinerari consigliati
  3. Come raggiungere i Balcani low cost
  4. Pericoli e contrattempi: cose da sapere

Organizzare un viaggio nei Balcani: le basi

cimitero ebraico di sarajevo

1. Capire quanto tempo avete a disposizione

Per meno di una settimana non vale la pena nemmeno raggiungere l’area (Slovenia e Croazia escluse) perché ci sono pochi collegamenti rapidi con l’Italia, a meno che non troviate un volo low cost per una capitale e vogliate farvi un weekend. Secondo me ha comunque poco senso, ma fate voi. Meglio avere almeno 10/15 giorni per entrare bene nell’atmosfera.

2. Capire dove volete andare

E organizzare un itinerario tenendo conto dei pochi collegamenti e dei tempi lunghi di spostamento. Sfruttate i (pochi) voli low cost che raggiungono l’area e da lì spostatevi anche in altri paesi usando un’auto a noleggio o i trasporti locali. Girate su zone piccole, non abbiate l’ansia di vedere tutto: la diversità è grandissima e non riuscireste ad apprezzare tutto in un viaggio solo o in poco tempo. Io ne ho fatti quattro e ancora non ho visto tutto!

3. Spostamenti

Affittare un’auto è la soluzione migliore per girare estensivamente la regione, ma anche con i mezzi pubblici è una bella avventura e si riesce a vedere tanto. InterRail nei Balcani sconsigliato o idem gli spostamenti esclusivamente in treno, se avete fretta, a meno che non siate specificamente appassionati di treni (in tal caso, è una figata). Anche i più arditi dovranno arrendersi a fare alcune tratte in autobus perché la rete ferroviaria balcanica è scarsa ed è stata in parte tagliata durante le guerre. In un viaggio nei Balcani sono meglio i pullman per le tratte città-città, mentre per i centri più piccoli spesso l’auto è l’unica soluzione. Le uniche tratte in treno internazionali che funzionano abbastanza bene (balcanicamente…) sono Budapest – Belgrado – Podgorica, gestita principalmente dalle ferrovie serbe, e le tratte tra Slovenia e Croazia. Anche la ex tratta dell’Orient Express, da Istanbul a Parigi via Vienna o Venezia, è stata cancellata definitivamente nel 2009 e anche solo provare a ricrearla in autonomia (ci avevamo provato…) è davvero un’impresa difficile.

4. Orari dei trasporti

Ancora per molti servizi dei trasporti non ci sono siti e orari online affidabili: non pretendete di poter prenotare gli orari di autobus, traghetti locali, treni (specialmente in inglese o in italiano) e non fidatevi di quei siti tutti-i-trasporti-in-un-solo-clic che sembrano snocciolarvi la timetable perfetta o addirittura la prenotazione online. Non è detto che quei trasporti esistano veramente né che ci siano solo quelli: l’unico modo per avere la certezza di un biglietto o di un orario è chiedere direttamente in stazione o chiamare. In un viaggio nei Balcani non bisogna avere fretta. La prima cosa da fare è andare alle autostazioni e informarsi sugli orari dei trasporti che intendete prendere il giorno dopo, prenotare i biglietti (un giorno d’anticipo di solito è più che sufficiente) e poi il gioco è fatto! E se è tutto pieno… state sereni! Si rimanda di un giorno. Unica eccezione virtuosa è Flixbus, drago tedesco degli autobus, che sta iniziando ad operare tratte da e per i Balcani verso l’Europa occidentale.

5. Dormire nei Balcani

Anche nei Balcani è arrivato Booking, ma, come ai tempi d’oro, nelle degli autobus o dei treni a volte si trovano ancora le falangi oplitiche di nonnine che strattonandovi e urlandovi due parole in inglese o in tedesco vi supplicheranno di dormire da loro. Purtroppo non c’è modo di vedere le case, dovrete fidarvi; sorridete e siate gentili ma contrattate sul prezzo senza vergogna: è d’uso così, non è maleducazione. Circa 5/10 euro a testa a notte, anche se siete in tanti troverete comunque una sistemazione decente. Ovviamente la modernità è arrivata anche nei Balcani e troverete facilmente ostelli, hotel e stanze sui siti più famosi di prenotazione online. Vi consiglio con tutto il cuore, specialmente in un viaggio itinerante, di provare l’esperienza di contrattare il prezzo di una stanza con una nonnina vestita di nero o di affacciarvi in un ostello di periferia chiedendo se c’è ancora posto per voi. Aiuterete le persone del posto direttamente senza pagare commissioni a grossi siti stranieri.

6. Giorno extra per i contrattempi

Lasciatevi uno o (meglio) due giorni vuoti extra per ammortizzare autobus persi, code in frontiera (segnalo in particolare la frontiera tra Bulgaria e Turchia vicino a Edirne, dove è facile passare fino a 4h fermi in coda, oppure quella in autostrada andando dalla Serbia alla Croazia, che a fine Agosto è affollatissima) o contrattempi (leggi la lista in fondo) e non rischiare di perdere voli/treni di ritorno, una volta che avete pianificato un itinerario. La flessibilità è essenziale, è impossibile programmare tutto al millimetro! Ma improvvisare è sempre la parte migliore 🙂

Itinerari consigliati per un viaggio nei Balcani

Per darvi qualche spunto, ho messo poche tappe essenziali da cui fare infinite deviazioni, ampliamenti, aggiunte, scorciatoie.

1. Da Milano ai Balcani Nord-Ovest: Slovenia, Croazia e Bosnia. Centro tematico: Sarajevo.

Per Sarajevo vi consiglio con tutto il cuore questa guida-capolavoro, scritta da due donne d’eccezione:
Sarajevo, di A. Scavuzzo e S. Maraone. Su Amazon oppure su Libraccio o Mondadori Store.

2. Da Belgrado a Istanbul. Centri tematici: Belgrado, Sofia e Istanbul.

3. Da Budapest ai Balcani Sud-Ovest: Ungheria, Serbia, Montenegro, Albania e Kosovo. Centri tematici: Montenegro, Albania, Macedonia e Kosovo.

4. Slovenia e Croazia classiche: lago di Bled, Lubiana, grotte di Postumia; Istria, laghi di Plitvice, Zara e le isole del Quarnaro.

5. Croazia e Bosnia on the road: da Spalato a Mostar, e da Sarajevo fino a Bihac. Rijeka, Krk e rientro in Italia.

6. Slovenia, Isole del Quarnaro, Alpi Dinariche e Dalmazia: in auto dall’Italia, tappa nel parco del Triglav e a Bled, poi Krk, Velebit, Spalato, Sibenico, Murter e ritorno.

7. Tour della Bulgaria: da Sofia a Sofia con un giro ad anello via Kazanlak, Veliko Tarnovo, Varna, Burgas, Stara Zagora e monastero di Rila.

Come raggiungere i Balcani low cost

I Balcani si possono raggiungere in treno, autobus, aereo e traghetto. Non tutti i paesi sono ben collegati, e in certi casi è meglio atterrare in aereo nei paesi limitrofi e poi spostarsi via terra.

Voli low-cost nei Balcani

Budapest non è nei Balcani ma è la porta nord della regione. Da lì partono bus e treni economici per tutta l’area e specialmente per la Serbia. Ryanair, Wizzair.

Cercate i voli da area geografica ad area geografica (dei cerchi con diametro che decidete voi) su kiwi.com, molto meglio di Skyscanner e specializzato in voli low-cost.

Balcani in treno. Città ben raggiungibili

Se i siti delle compagnie nazionali non sono tradotti in inglese o non vi fanno vedere gli orari dei treni internazionali, consultateli su bahn.de, il sito delle ferrovie tedesche e di tutta Europa (anche in italiano).

Quest’altro post parla di Belgrado e un allucinante viaggio Kiev – Budapest – Belgrado, attraverso le pianure pannoniche inondate di girasoli.

Balcani in bus. Città ben raggiungibili

Tutte le capitali con compagnie di solito balcaniche ma anche italiane. Io avevo preso per esempio la Florentia Bus che fa Sofia – Belgrado – Zagabria – Ljubljana – Varie città italiane in Friuli, Veneto, Lombardia, Emilia e Toscana e ovviamente viceversa. Prezzi medio-bassi.

Anche Flixbus arriva adesso nei Balcani! Su Zagabria, Lubiana, Belgrado e Sarajevo (con cambio a Lubiana). Che dire, non dovete aver fretta, ma i prezzi sono vantaggiosi.

Viaggiare nei Balcani in auto, on the road

Molto comodo, molti paesi sono ben attrezzati e le strade sono state sistemate di recente, si trovano molti benzinai anche con GPL, ma attenzione (ahimé) al rischio di furto auto e di oggetti dentro la macchina, anche a noi ad aprile 2019 hanno scassinato la portiera per rubarci piccoli oggetti che avevamo lasciato nei sedili posteriori.

Ho scritto un articolo dedicato ai Balcani on the road, lo trovi a questo link

Se devi affittare una macchina, ti consiglio di confrontare i prezzi degli autonoleggi su DiscoverCars, e poi scegliere quello più economico.

Pericoli e contrattempi: 5 cose da sapere prima di viaggiare nei Balcani

organizzare un viaggio nei Balcani Montenegro Skadar

1. Le frontiere esistono eccome!

E le code possono essere lunghe ed estenuanti. Se avete poco tempo per un viaggio nei Balcani, allora sono la regione sbagliata, a meno che non vi focalizziate su un singolo stato ben collegato con l’Italia. Le code si concentrano in estate e lungo le autostrade principali e se prendete strade secondarie è più facile evitarle, ma non potete mai essere immuni dal rischio coda. Tra Slovenia e Italia non ci sono frontiere, mentre tra Slovenia e Croazia sì (la Croazia non aderische allo spazio Schengen), anche se sono più rapide rispetto ad altre frontiere. Quelle più passibili di grosse code (dalle 2h in su) sono quelle da un paese non UE a un paese UE: Serbia-Croazia, Turchia-Bulgaria, Bosnia-Croazia, Serbia-Ungheria e così via. Le più sensibili a code sono anche quelle che negli ultimi anni hanno assistito a grossi flussi migratori della rotta balcanica, come ad esempio la frontiera tra Grecia e Macedonia o tra Bosnia e Croazia.

Nb. Per andare dalla costa croata del centro-nord a Dubrovnik si deve passare per 10km di Bosnia Erzegovina, attraversando quattro controlli di frontiera ad andare e quattro a tornare. Negli ultimi anni i controlli si sono snelliti, ma tenete conto di questo dettaglio.

2. Corruzione

La cosa più pericolosa che vi possa capitare in un viaggio nei Balcani è avere a che fare con poliziotti corrotti, fenomeno raro e in calo. Fortunatamente, in qualsiasi caso vi basta mostrarvi svegli, informati e sicuri di voi per far capire che non vi lascerete fregare. Se si inventano storie su passaporti non validi, mancanza di documenti, sospetto droga, problemi alla vostra auto, richiesta mazzette per ‘non vedere’ etc. chiamate l’ambasciata italiana (o fate finta di farlo): la smetteranno immediatamente. Non date loro soldi per nessun motivo: questo fenomeno deve essere debellato e anche solo venti euro per “risolvere il problema più in fretta” contribuiscono ad alimentarlo.

Nb. Mi chiedono di aggiungere che ‘se i pulotti in frontiera croata vi dicono che il vostro cofano dell’auto è aperto mentono, mentono spudoratamente’. A un mio amico è successo nel 2017 che la polizia croata di frontiera abbia dato una botta al cofano della loro auto di fatto aprendolo: quando sono ripartiti il cofano si è spalancato contro il parabrezza mandandolo in frantumi. E casualmente passava di lì un carro attrezzi che li ha scortati fino alle periferie di Zagabria tenendoli fermi un giorno intero e chiedendo loro 600€ per la riparazione del vetro. Storie di ordinaria corruzione balcanica. Non prendetevela troppo e imparate a non fidarvi della polizia locale.

3. Tempi di spostamento

Nei Balcani le strade sono montuose e lente. I tempi di spostamento sono lunghi nonostante i pochi km che separano le città. Spesso non ci sono autostrade e quelle segnate come ‘statali’ sono in realtà stradine di campagna che collegano i vari villaggi: preparatevi a farvi cullare dai ritmi balcanici e a prendervela comoda… Un esempio: da Sofia a Belgrado sono circa 8h di autobus variabili a seconda dei tempi in frontiera. Lo stesso in pullman da Sarajevo a Zagabria. Enjoy!

4. Mine antiuomo

Fortunatamente non ci siamo abituati, ma questo punto è importante da calcolare in un viaggio nei Balcani. In alcune regioni c’è ancora un alto e serio rischio di mine antiuomo nei terreni. Anche con cartelli ‘mine-free’ non c’è garanzia al 100% che lo siano davvero perché le fortissime piogge e alluvioni degli ultimi 3 anni hanno provocato smottamenti del terreno spostando le mine di metallo, mentre le mine in plastica potrebbero aver galleggiato ed essersi spostate. Non entrate negli edifici bombardati (specialmente in Bosnia Erzegovina) e non fate campeggio libero o camminate fuori dai sentieri segnalati o da zone dove i locali stessi vi confermano che la situazione sia ok. L’asfalto è sempre sicuro. Se avete intenzione di andare molto molto fuori dai sentieri battuti, controllate la situazione per Bosnia, Croazia del Nord-Est, Serbia del Centro-Ovest e Kosovo a questo link. Dovrebbero aver sviluppato un’app che segnala le zone a rischio.

5. Furti di e in auto

Se volete viaggiare nei Balcani in macchina o in moto, abbiate cura di dove parcheggiate, specie di notte. I furti di auto e in auto non sono così rari: state sempre all’erta perché avete una targa straniera e sicuramente una macchina più bella delle vecchie trabi che girano ancora da certe parti… Esperienza personale: ad aprile 2019 ci è stata scassinata la portiera per rubarci oggetti in macchina in un tranquillissimo quartiere residenziale di Sarajevo.

A presto,
Ele

Libri consigliati in questo articolo

Letture consigliate da Pain de Route (con tutto il cuore, seriamente):

Letture consigliate dalla community:

Altri link utili

Controllate questo link Civitatis per trovare free tour di alcune delle principali città dei Balcani. Vi consiglio poi anche DiscoverCars se volete affittare una macchina a prezzi onesti.

Questo post può contenere link affiliati o sponsorizzati.
Seguite Pain de Route su Instagram o iscrivetevi alla newsletter.

Condividi il post sui social!

24 risposte

    1. Grazie, Denise 🙂 mi fa piacere sapere che ti è stato utile.
      Per approfondire ancora di più su Sarajevo ti consiglio una guida fantastica edita dal Dragomanno e scritta da Anna Scavuzzo e Silvia Maraone, la trovi anche su Amazon!
      Mi ha cambiato lo sguardo e mi ha fatto innamorare della Bosnia. Forse la migliore guida su una città mai letta in vita mai! 🙂
      https://www.amazon.it/Sarajevo-2-Dragomanno-Anna-Scavuzzo-ebook/dp/B00FKWSRMG

      Buoni viaggi!
      Ele

  1. Mi piacerebbe veramente tanto organizzare un viaggio per i Balcani, complimenti per l’articolo, mi ha invogliato ancora di più!

  2. La voglia di visitare i Balcani ce l’ho da quando mi sono trasferita a Berlino. Non so perché. E’ venuta così. Ed è qui che tornerò quando avrò bisogno di dritte. Grazie Eleonora! 🙂

    1. Strano, ma non così tanto! Berlino è talmente multietnica e spezzettata che sa davvero un po’ di Balcani 😉 ci hai visto bene.
      Grazie grazie!
      Un abbraccio

  3. Ciao Eleonora, ho piacevolmente scoperto il tuo blog e devo farti i complimenti perché è davvero utile!!
    Volevo solo aggiungere che per raggiungere i balcani low cost c’è anche flixbus che ultimamente sta ampliando molto l’offerta e con prezzi ragionevoli (e un po’ di tempo a disposizione), permettono di andare a lubiana, belgrado, sarajevo (facendo cambio a lubiana) e moltissime altre città.
    Spero ancora che attivino dei collegamenti interni (belgrado-sarajevo..?!) ma credo sia un po’ utopico al momento!!

    1. Ciao Annet, grazie di cuore dei complimenti e dei consigli! Aggiorno subito. Io ero rimasta che arrivava solo a Zagabria. I pullman interni ci sono ma sono ovviamente su un altro livello rispetto a Flixbus 🙂
      Grazie mille!
      Ele

  4. Un libro che merita di essere letto per capire meglio la ex Jugoslavia è Maschere per un massacro di Paolo Rumiz

  5. Avrei solo un appunto da farti il resto mi sembra onesto: In Albania le ferrovie non esistono!!??!? ma da quando? Beh certo te lì sconsiglio pure io, fai prima in bus o furgoni, sono treni a gasolio e non elettrici come in sardegna, però esistono. Il resto complimenti ottimo articolo.

    1. Ciao Ergys, grazie della segnalazione, ho corretto. L’articolo è vecchissimo (primo viaggio nei Balcani nel 2013) e all’epoca non ero ancora stata in Albania e mi basavo su informazioni di seconda mano (probabilmente era un modo per dire che era meglio non prenderli nemmeno in considerazione!). L’ho aggiornato negli anni dopo gli altri viaggi ma quella sezione non l’avevo mai toccata. Ho rivisto tutto adesso, grazie ancora e a presto!
      Eleonora

  6. Complimenti per l’articolo e per il blog, tra i migliori che abbia letto sui Balcani! Quest’etate io e la mia ragazza andremo 2 settimane nei Balcani, arrivando a Podgorica e ripartendo da Zara. Pensavamo di affittare un auto. Che itinerario consigliate? Ci piacerebbe comunque tanto fare una deviazione per Mostar/Sarajevo

    1. Ciao Giuseppe!
      Quando affittate l’auto verificate di poter andare anche negli stati limitrofi, mi raccomando!
      Con 2 settimane riuscite a farvi un bel giro: io mettere dentro la costa e le montagne del Montenegro (Durmitor), lago di Skadar e qualche escursione lì intorno (Vjrpazar e strada con costa ovest), Dubrovnik, Mostar e Sarajevo, Spalato, Trogir, Sibenik, i laghi di Plitvice e Zara. Dipende da quanto ve la prendete comoda ma secondo me riuscite a farci stare un po’ tutto.
      A presto e grazie per il commento!
      Ele

    2. Ciao Giuseppe! anche io e la mia fidanzata faremo un giro una decina di giorni, tra Albania, Macedonia, Kosovo e Serbia. Magari ci incontriamo ????
      Noi andiamo nella prima settimana di Settembre

  7. Ciao! Grazie per l’articolo!
    Mi piacerebbe avere un’opinione su un viaggio nei Balcani che sto organizzando last minute, con un amico, e che dovrebbe durare 10 giorni circa, a partire dai primi di Agosto.
    L’itinerario prevederebbe partenza da Skopje e arrivo a Spalato, passando, nell’ordine, per Belgrado e Sarajevo.
    L’idea sarebbe dedicare circa 2 giorni ad ogni posto, muovendosi col bus e dormendo in ostello/hotel economico: pensi che sia fattibile?
    Varrebbe la pena spingersi fino ad Ohrid, in giornata, durante la permanenza a Skopje?
    Grazie

    1. Ciao Davide!
      Io sono una fautrice dei viaggi lenti 🙂 quindi ti direi che va bene ma lascerei stare Ohrid, per quanto sia bellissima, perché gli spostamenti nei Balcani sono dannatamente lenti e 2gg per ogni capitale è il minimo sindacale. Tieni conto che tra Belgrado e Sarajevo possono starci tranquillamente fino a 8h di autobus…
      A presto!
      Eleonora

  8. Vacanza 2019 organizzata….in macchina…Verona-Belgrado…Sarajevo…1 giorno Mostar(in treno da Sarajevo)…poi Konjic visita al bunker di Tito,poi proseguo per Jajce…mi manca solo l’ultimo giorno…mi puoi consigliare?..meglio Bihac o andare verso Banja Luka? Grazie e complimeti per il sito,fantastico.

  9. Ciao Eleonora
    Grazie mille per l’articolo e per il divertentissimo podcast. Vado in Croazia e Bosnia ad Agosto.
    Sto cercando in tutti i modi il libro che avete consigliato, Yugoland, ma é diventato introvabile!
    Qualcuno lo vende o lo presta? Me lo vengo anche a prendere, sto a Milano.
    Super grazie in anticipo!
    Lorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli che potrebbero interessarti

Armenia

In Armenia (e oltre) su una sedia a rotelle, da solo. Il viaggio di Luca Domenichelli

Turchia

Libri sulla Turchia di autori turchi: dall’Impero Ottomano alla Turchia contemporanea

Italia

Cammini italiani sugli Appennini da fare in alternativa alla Via degli Dei

Armenia - Azerbaigian

Libri sul Caucaso da leggere prima di un viaggio

Georgia

Libri sulla Georgia da leggere prima di partire

Russia

7 serie sulla Russia su Netflix e altrove sul web

Asia Centrale - Balcani

12 mete painderoutiane per il 2020. Ovvero 12 posti ‘sfigati’ ma belli

Italia

Cose gratis da vedere a Firenze: qualche idea originale

Piazza Rossa Mosca cosa vedere
Russia

È meglio Mosca o San Pietroburgo? Due anime diverse per viaggiatori diversi

Russia

Cosa comprare in Russia: prodotti naturali, souvenir, cosmetici e non le solite cinesate

Albania - Bosnia ed Erzegovina

Balcani on the road: info utili, consigli e rischi

Asia Centrale - Balcani

I viaggi in treno più belli in Est Europa (e molto oltre)

Russia

Transiberiana: quali tappe fare (e quali farò) sulla ferrovia più lunga del mondo

Russia

Destinazione Russia: un libro-ode all’inesplorato

Armenia - Caucaso

Viaggiare in Caucaso coi mezzi pubblici: consigli per non farsi fregare

Informativa
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per ottimizzare la navigazione e i servizi offerti, cliccando il pulsante accetta acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per informazioni sui cookie utilizzati in questo sito, visita la Privacy & cookie policy.