Pain de Route, cioè un pan di via

Pain de Route nasce nel febbraio 2015 per diffondere consigli pratici per viaggiare in libertà e promuovere un viaggiare consapevole in territori poco conosciuti. Pain de route è il pan di via, il cibo super energetico mangiato dagli elfi per poter camminare a lungo senza sentire la fatica.

Eleonora Sacco

Piacere, sono Eleonora! Fondatrice e autrice principale di Pain de Route, laureata magistrale in Linguistica Teorica, Applicata e delle Lingue Moderne, co-autrice di Cemento Podcast e vicepresidente dell'Associazione Viaggio da Sola Perché. Mentre mi divido su vari lavori, viaggio da sola o con compagni fidati alla ricerca dell'umanità più autentica e dell'europeità; cammino, canto, vado in bicicletta, scrivo e bevo tè mentre ascolto a ripetizione musica georgiana.

Quando ho scoperto il mondo delle Russie e dell'ex URSS ho sentito un richiamo ancestrale, principalmente perché sono un po' bàbushka dentro e vado particolarmente d'accordo con questo monumento della società postsovietica.

Tempo fa scrivevo di me: rotolacampo selvatico, anima di fiume e ombra di bosco, devota al CouchSurfing e alla Tenda. Camminatrice instancabile, biciclettara canterina che adora i falò (nelle notti d'estate). Viaggio per necessità, per capire con il corpo e non solo con la testa, cercando il nocciolo delle cose.

Paesi visitati: 58 Ho vissuto in Italia, Portogallo, Russia e Georgia.

Dicono di me

Collaborano

La Transiberiana lungo il lago Baikal, Russia

Cosimo L. B., detto Sherpa - Ingegnere e smanettone di Pain de Route, che ogni tanto si butta in post pratici scritti a quattro mani. Sogna un mondo fatto di barre filettate da girare a bordo di un mezzo scassone, rigorosamente sotto i 50cc. Ha scritto di trekking e del suo Pander, il Panda-Camper.

Martina A. - Studentessa internazionale e viaggiatrice. Appassionata di letteratura, cinema, fotografia; inguaribile curiosa del mondo. "Assicurami che non v'é ritorno / e forse avrò la forza di partire". Ha scritto di Olanda, Repubbliche Baltiche e Brasile.

Saradàs, detta MamaAfrika - Appassionata di cose inutili, medioevo e neuroscienze. Viaggiatrice barbona, autostoppista a oltranza e sostenitrice del risparmio senza qualità. Ha scritto di New York e della Sacra di San Michele.

Akatuy - Misterioso collaboratore che ha vissuto le lande russe a cuore aperto, tornando espertissimo di vita e musica russe, inclusa (anzi, specialmente, ndr) la leggendaria musica trash. Ha scritto La Russia in 5 canzoni.

Claudia G. - Insegna inglese e italiano a Cheboksary, in Ciuvascia, una repubblica del Vicino Est russo. Ha scritto della cultura russa vissuta a quelle longitudini: Facciamo una foto? e I campi invernali per bambini in Russia

Dario C., detto PrinceOfPersia - Semplicemente PrinceOfPersia, chiamato così dalla foggia dei suoi pantaloni ai nostri primi viaggi in Turchia. Flautista di professione. Ha scritto di Londra low cost

Elisabetta S. - Ventenne milanese nonchè studentessa di Giurisprudenza, ma francese d'adozione. Tra una pagina di un codice e l'altra, quando mi stufo di essere una noiosa giurista, scrivo, fotografo, faccio i bagagli e parto. To travel is to live ho letto una volta in viaggio, non si può che essere d'accordo! Ha scritto di Budapest.

Jorge Luis M.M. - PhD messicano a Mosca, porta lo stesso nome di J.L. Borges e studia filosofia acustica, ma ha diverse lauree anche in antropologia e geografia, pur essendo segretamente appassionato di mondi sovietici e postsovietici. Grande fan della scena calcistica turca. Un personaggio unico al mondo che ha condiviso molti dei miei pasti low-cost moscoviti. Sua moglie studia a Berlino. Ha scritto del Caucaso Russo.

Marco G. - Aspirante zingaraccio per professione. Ossessionato da tutto ciò che riguarda il mondo arabo. Caffè, palme e biglietti low cost mi mettono di buon umore. Ha scritto di Algeria e Irlanda.

Paola G. - Architetta milanese. Ha scritto di Lisbona underground

Rudy Toffanetti - Sono del '94, e nel tempo libero studio lettere classiche all'università di Pavia. Per il resto nulla, a volte scrivo poesie e il mio primo libro, Sul confine, è stato pubblicato da Nino Aragno Editore. Oltre questo scrivo un po' di tutto, dal teatro ad articoli di vario genere. E nonostante una certa pigrizia che mi insidia costantemente, mi piace guardarmi intorno e avere poco tempo libero da sprecare. Ha scritto di Roma.