Cosa regalare a una viaggiatrice in gamba: la lista painderoutiana

cosa regalare a una viaggiatriceCoi regali in realtà sono una frana totale. Infatti questo post non è solo farina del mio sacco: sono tutte idee dei miei migliori amici. Ho sempre il terrore che quello che regalo non piaccia o sia inutile, e di solito ripiego sul cibo assurdo*: ma ricevere arachidi gusto birra dall’Ucraina non è esattamente il top da regalare a una viaggiatrice, vero?

*sì, ho una perversione per il cibo assurdo (e ne vado fiera)

C’era una volta: non so cosa regalare a una viaggiatrice

Così i miei amici, recentemente insigniti di una laurea ad honorem in regali überfighi per viaggiatori, mi hanno tipo costretta a redigere una lista di cosa mi hanno regalato negli ultimi anni. Regali fantastici, che da sola non mi sarei mai comprata. Non perché siano cose inutili, ma perché sono troppo marciona (cit. mio padre) per concedermi un piccolo lusso o qualche oggetto tecnico più evoluto di pietra focaia e bastoncino.

Ho poi dato un occhio a chi ha già scritto liste su cosa regalare a una ragazza che viaggia: alla parola trolley rosa ho avuto un infarto multiplo, ho respirato profondamente e ho messo mano alla lista painderoutiana sul cosa regalare a una viaggiatrice in gamba.

Pane e gazzella, andiamo!

I migliori regali che ho ricevuto dai miei amici

1. Quadernini waterproof, con carta impermeabile (6-15€)

Sì, esistono davvero! E sono una figata. Tanto che ho passato le tre ore successive a rovesciarci sopra di tutto per testarli nelle situazioni più estreme, in previsione di futuri naufragi painderoutiani. Funzionano alla grande. Per ora li ho trovati solo su Amazon qui.

2. Un’amaca (30€)

cosa regalare a una viaggiatrice

Chi non ha mai sognato di ricevere un’amaca? Regalo inaspettato e vincente. Che ci si schiacci un pisolino a Hyde Park o la si usi per dormire durante un cammino a piedi, è comunque leggerissima e comoda! Con un tocco di romanticheria, me ne hanno regalato una matrimoniale 😉 la mia è questa, di Decathlon.

Integro con un commento di Rebecca:
> Solo per veri PRO: millantate un viaggio -> fatevi regalare un’amaca -> appendetela tra la lampada del salotto e la tv (compratevi i tasselli da muro!)

3. Posate leggere (19€)

Non ci avevate mai pensato, ma queste, che sono il top di gamma, sono incredibili. Ultraleggere, indistruttibili, con un bel design, i coltelli tagliano davvero (non come quelle cinesate in plastica che avete usato fino ad oggi) e il retro è un anello svita bulloni, in caso la vostra viaggiatrice seriale abbia sempre sognato un lavoro in un’autofficina o una laurea in ingegneria.
Si trovano nei negozi da trekking o su Amazon, a questo link.

4. Una bella sciarpa grande di buon tessuto (5-30€)

cosa regalare a una viaggiatriceRegalo semplicissimo che potete vendere come una chicca. In tutti i viaggi porto sempre con me una sciarpa grande, quadrata, di tessuto resistente, da usare in tutti i modi: come gonna per una chiesa ortodossa, velo per una moschea, fagotto per una passeggiata inaspettata, telo per pic-nic o semplicemente sciarpona anti-vento siberiano. Cercatene una bella colorata in qualche bazaar mediorientale, dagli indiani in via Padova a Milano o, perché no, anche nelle classiche catene di moda low-cost.

5. Dei begli auricolari (14€)

Ringrazio ogni giorno di averne un paio di buona qualità. Ascoltarci la musica mentre viaggio è un vero piacere: sono piccoli, resistentissimi e hanno una forma per cui non cadono dalle orecchie se si fa trekking o movimenti strani (tipo pogare nella calca della metro di Mosca durante la rush hour). I miei sono questi: li trovate su Amazon, ma reperire auricolari decentai anche altrove non è difficile, dai!

6. La classica Scratch Map (12-25€)

scratch map cosa regalare a una viaggiatriceBanale, ma sempre carina. Sì, è un po’ narcisistico, ma grattare i paesi con la monetina dopo i viaggi è sempre una bella soddisfazione. A meno che non ce l’abbia già, bell’oggetto da regalare a una viaggiatrice. Io ho quella piccola edizione Travel, presa su Amazon.

7. Le mappe Crumpled City (10€)

Sono mappe delle principali città del mondo con la figata colossale di essere praticamente indistruttibili, spiegazzabili, lavabili e pure Made in Italy (manca solo un Lucano). Da regalare a una viaggiatrice maldestra. MamaAfrika mi ha regalato quella di New York, che serbo con massima gelosia.

> Cocco segnala, avendo spulciato il loro sito, che anche questo diario di viaggio / mappa del mondo trasparente sembra fantastico (ma non l’abbiamo ancora provato).

8. Attrezzatura tecnica da viaggio/trekking: sacco a pelo, tenda etc. (100+ euro)

Questo tipo di regalo è economicamente più impegnativo: dovete un po’ deciderlo insieme alla vostra viaggiatrice. Per noi radicali del low cost è un sogno proibito che diventa realtà!
Io ho ricevuto un sacco a pelo 0° ultralight di Decathlon e due tende 3 posti Arpenaz, sempre di Decathlon (regalo disinteressatissimo…!).

Belle anche una camel bag (sacca per bere in maniera continuativa mentre si cammina in montagna), un cappello da trekking o altra attrezzatura tecnica.

> Eftichia ci segnala: anche i vestiti tecnici in fibre ultraleggere e che si asciugano in fretta sono un ottimo regalo per un viaggiatore!

9. Vile denaro

Ok, non è che abbiamo finito le idee, ma qualche soldo da regalare a chi viaggia non guasta mai. Potete ricamarci un po’ sopra, magari, mettendolo in una busta insieme a una cartolina “da inviare a [ilvostroindirizzo] entro e non oltre [tremesidaoggi] da [un paese in cui non si parli questa lingua]“.

10. Un salvadanaio per i viaggi (0€)

Tirate fuori il Giovanni Muciaccia che è in voi, la colla vinilica, la carta igienica e fate qualcosa di carino e personalizzato. All’alba dei tempi due mie amiche ne avevano fatto uno partendo da un barattolo di crema, rivestendolo di carta di giornale pitturata di blu, azzurro, bianco… Magari metteteci già dentro una monetina (#povery) o una banconota (#rikky).

11. Un filtro per l’acqua da viaggio (20-30€)

Un oggetto tanto piccolo quanto potente, regalo perfetto per una viaggiatrice un po’ sportiva. Pesa solo 60g, è piccolissimo, filtra acqua contaminata o sporca rendendola potabile e senza lasciare alcun gusto, uccidendo il 99,9% dei batteri e filtrando il particolato: sinceramente mi chiedo ancora come ho fatto a vivere senza per tutti questi anni. Ah, e in più dura tutta la vita (filtra fino a 300.000 litri di acqua corrente!). Un’idea regalo per una viaggiatrice diretta in paradisi esotici dove l’acqua non è potabile (io me lo sono regalato prima di andare in Giordania) o per un’amante del trekking e delle escursioni nella natura.

Ce ne sono varie marche, il mio è il Filtro Sawyer Mini.

11. Il classico Buon Libro (10-15€)

cosa regalare a una viaggiatriceDa regalare a una viaggiatrice solo se siete davvero sicuri che sia un libro perfetto per lei e il suo viaggio dei sogni, altrimenti c’è il rischio che finisca nella Temibile Pila dei Libri Dimenticati (d’ora in poi, TPLD). Magari sarebbe carino che l’abbiate letto anche voi prima, e che lo possiate consigliare di persona con una bella dedica nella prima pagina. Guai a chi rifila i libri indesiderati.

> Libri originali che consiglio con tutto il cuore:

Atlante tascabile delle Isole Remote: 50 isole che non ho visitato e non visiterò mai (15€)

Un mini atlante tascabile (ora anche in italiano) con le leggende e le storie dalle cinquanta isole più remote, seducenti o disgraziate del globo. Da sfogliare rifacendosi gli occhi con la sua grafica spettacolare. Io l’ho comprato in una stupenda libreria per viaggiatori a Lisbona, ma, se non potete andare a Lisbona, lo si trova anche su Amazon.

Atlante dei Paesi che non esistono (50€)

Anna ci consiglia anche “Atlante dei Paesi che non esistono” di Nick Middleton, dateci un occhio!

Storia del Mondo in 500 viaggi in treno (25€)

Prima o poi mi comprerò (anzi, mi farò regalare) anche la “Storia del mondo in 500 viaggi in treno“, oppure la variante per camminatori “Storia del mondo in 500 camminate“. Ce li ha la mia amica blogger/guru dei libri di Storie di San Francisco e… wow!

Atlante delle Micronazioni (14€)

MamaAfrika mi ha regalato questo interessantissimo libro di Graziano Graziani, che racconta la storia di quelle micronazioni autoproclamate e dimenticate, come quelle piattaforme all’argo delle isole britanniche che un giorno iniziano a battere bandiera propria e a stampare la loro moneta… Lo trovate su Amazon.

Libri-capolavori di cucina esotica (20-25€)

Se invece la vostra viaggiatrice è una cuoca provetta o un’assaggiatrice curiosa, e magari adora pure collezionare dei bei libri-capolavoro corredati da foto incredibili, allora vi consiglio di dare un occhio al post dedicato ai miei libri di cucina esteuropea preferiti. Avreste mai pensato che la cucina ucraina fosse così deliziosa? No? Dovete ricredervi. O magari leggere la storia del leggendario plov centroasiatico prima di partire alla volta di Samarcanda può essere una buona idea.

Sempre Elena di Storie di San Francisco mi ha regalato un altro libro delizioso sulla cucina sovietica, anche se è più l’appassionantissima storia della famiglia della scrittrice vista attraverso il cibo russo e poi sovietico, cioè quel mix irresistibile di cucina caucasica, centroasiatica, baltica e slava. Davvero un regalo azzeccatissimo, l’ho divorato in un attimo. Regalo geniale per una ragazza che studia russo o appassionata di ex URSS.

Cosa NON regalare a una viaggiatrice

Mentre Cocco naufragava negli angoli più remoti del deepweb per poi decidere di regalarmi un’amaca color banana, si è anche imbattuto in gente che consiglia di regalare cose terrificanti. Perdonateci questa nota d’acidità, è solo un’appendice per farci due risate malvagie.

1. Beauty case da viaggio, magari con cuori rosa e unicorni?
Un Viaggiatore In Gamba *(d’ora in poi, VIG) ha già il suo: costruito con estrema cura negli anni e calibrato con estrema precisione sulle sue esigenze. Inutile.

2. Uno zaino/valigia/trolley
Malconcio, sgualcito, lercio e reduce di avventure inenarrabili: non sarete mai capaci di sostituire degnamente il fido compagno di una VIG*.

3. Viaggi, hotel, aerei già pagati
La VIG* vuole decidere dove, quando e come andare con cura e studio maniacali. Il vostro resort già pagato a Sharm El Sheikh le farà venire i conati di vomito. Vincolo sgradito nella maggior parte dei casi.

4. Un pesa valigia
L’oggetto che hai in mente è una cinesata. E poi vuoi davvero regalare un pesa valigia?!?

> Aggiornamento: molte lettrici-viaggiatrici si sono stracciate le vesti leggendo questo punto. Specifichiamo che la Pain de Route S.p.a. non è contraria ai pesavaligie, ma solo al regalarli (utile, ma… buon compleanno, tesoro, ecco uno splendido pesavaligie!)

5. Mappamondo rosa luminoso
*!$%&£§ [commenti osceni censurati]

6. Macchina da caffè portatile
Un VIG* deve essere pronto a tutto, anche al caffè russo. Altrimenti può anche starsene a casa a sorseggiarsi l’espresso di mammà.

Bene, cari painderoutiani, da Mosca oggi è tutto.

Manca qualcosa? Scrivicelo in un commento!
E se la lista vi è piaciuta, condividetela con qualcuno che la apprezzerebbe! Sharing is caring.
Cuori e altre smancerie,
Ele&Cocco

*Importante: se acquisti su Amazon partendo da un link sul blog mi aiuterai a guadagnare una piccola percentuale. Per te il prezzo rimane identico, ma sosterrai il blog: uno spazio per viaggi liberi ed autogestiti, di consigli autentici e di storie che vanno al nocciolo delle cose.

Noi ci si vede, al solito, su Instagram e Facebook!

Buoni regali e buoni viaggi 🙂
Ele

Zan-zan! Iscriviti alla Newsletter!

* indicates required


9 Commenti

  1. sandra

    Interessante! qualche idea nuova per questi benedetti regali che non arrivano mai… Dovrebbero istituire la lista “regali” per ogni ricorrenza, non solo per i matrimoni, io scelgo e gli invitati comperano!!
    per cosa non regalare sono assolutamente d’accordo, ma intanto riceverò sicuramente il pesa valigia.. U__U

    1. Ahahah questo pesavaligia ha creato così tanti scalpori! Ha avuto i suoi meritati 15 minuti di celebrità.
      Ottima idea la lista compleanno 😉 specialmente per regali più costosi!
      Grazie Sandra, a presto!
      Ele

  2. Il libro delle isole improbabili mi ispira tantissimo!
    Attrezzatura da campeggio & scratch map sono state amore a prima vista mentre la mappa indistruttibile sembra fantastica, ma per me sarebbe inutile perché sono dipendente da Google Maps 😉

  3. Eftichia

    Cara Eleonora,
    Sto affrontando delle cure dentistiche, quindi non ho i soldi per viaggiare. Considerato che al punto 3 della lista delle cose da NON regalare figurano hotel, treni ed aerei già pagati, se qualcuno ti dovesse donare il sopracitato biglietto per Sharm el Sheick potresti omaggiare me di tal regalo? (ne faccio omaggio al dentista e recupero i soldi per viaggiare :D! una vera VIG è anche esperta di riciclaggio )
    Toglierei della lista dei regali la mappa da cui gratti i paesi che hai visitato (è un oggetto che mi sta antipatico…se ti interessa scrivo il perchè in un altro commento) ed aggiungerei degli asciugamani sottili di microfibra / cotone, capi d’abbigliamento che asciugano velocemente e ripiegati occupano poco spazio, la VIG già li dovrebbe possedere, ma sono comunque un buon regalo.
    In ultimo un oggetto che non so come si chiami, ma spero che qualcuno me lo regali. Storia dell’oggetto: una volta in ostello una ciclista inglese lavò i suoi vestiti , poi li pose dentro un…bho… una sorta di asciugamano di plastica e li strizzò, al mio: “what is this?”, rispose: “it’s for dry quickly” … non ne conosco il nome , ma secondo me quell’oggetto è davvero utile ed è un ottimo regalo per le VIG che non lo posseggono!
    Complimenti per gli articoli sempre simpatici ed interessanti.
    Saluti
    Eftichia

    1. Ciao, Eftichia!
      Che bello risentirti! Fantastico l’asciuga-cose… indagherò! E aggiornerò il post con i tuoi suggerimenti.
      Non preoccuparti, caso mai dovessi ricevere un viaggio pagato per Sharm sarai la prima in lista regalo, allora!
      Un abbraccio e grazie,
      Ele

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.