La Via Francigena del Sud: da Bari a Brindisi per 148km in 5 giorni

Condividi il post sui social!

Tornare a scrivere e tornare a camminare. È dura ed è stata dura: i miei piedi si sono ribellati potentemente all’asfalto, regalandomi le peggiori piaghe e dolori lancinanti, ma se mi dicessero di ripartire tra un mese ripartirei. Ho camminato assieme al Road to Rome 2021 per cinque giorni lungo la Via Francigena del Sud, che è un percorso diventato ufficiale da pochi anni e che sta piano piano fiorendo, ogni volta che i suoi sentieri vengono calpestati. Fare un cammino è un’esperienza da cui non si torna più indietro – dal 2016, dopo la Via degli Dei, penso alle distanze anche in termini di giorni a piedi, apprezzo anche i tratti lungo le autostrade, purché ci sia qualche ciuffo d’erba e un oleandro che crescono tra le crepe dell’asfalto, le periferie, le campagne dove apparentemente non c’è nulla. Ecco: camminare ti cambia, e ti cambia per sempre. Più che dirlo io, credo lo dicano le tante persone straordinarie con cui ho condiviso questo cammino: alcune di loro erano in viaggio da mesi, ed erano quelle più sorridenti di tutte ogni mattina.

A parlare di Italia non sono abituata, ma oggi ci provo: vi racconto, in poche righe, come è andata la mia Via Francigena del Sud, da Bari a Brindisi. È un percorso molto poetico e molto bello, che vi consiglio di cuore. Permette di scoprire una regione straordinaria, stratificata ed estremamente varia da una prospettiva diversa. Conterete i fichi d’india lungo il percorso, osserverete ogni singolo ulivo secolare, leggerete ogni scritta sui muri, e vi piacerà moltissimo. Come per tutto, serve un minimo di preparazione e cognizione di causa prima di partire, ma sono sicura che ce la farete.

Buona lettura e buon cammino.
Eleonora

Giusto due righe sulla Via Francigena

La Via Francigena è il percorso storico medievale che i pellegrini dalla Francia (da qui il nome) e territori limitrofi percorrevano per andare in pellegrinaggio a Roma. Una volta arrivati a Roma, molti proseguivano via Campania e Puglia verso i porti da cui ci si imbarcava per Gerusalemme: Brindisi e Santa Maria di Leuca soprattutto. Oggi è un percorso culturale supportato dal Concilio d’Europa e gestito dall’Associazione Europea Vie Francigene (AEVF).

Il percorso ufficiale completo e la suddivisione in tappe si trovano sul sito ufficiale dell’AEVF: viefrancigene.org

Lo strumento più comodo per organizzare il proprio tratto di Francigena è l’app ufficiale. Per seguire il sentiero è sufficiente un’app sentieri qualsiasi (io da anni uso OsmAnd), ma l’app Via Francigena è gratuita segnala anche le strutture dove dormire e i ristoranti e bar dove mangiare con un po’ di sconto, se avete la credenziale del pellegrino (acquistabile online e in diversi punti vendita lungo il percorso, costa 5€). È una cosa molto carina da avere e si possono collezionare tanti timbri lungo il percorso.

Come per tutti i percorsi a piedi, secondo me avere una mappa e/o guida cartacea è molto più comodo, a patto che sia una e sia leggera. Quella più famosa e collaudata è edita da Terre di mezzo, ma presto ne uscirà anche una edita dal Touring Club, in cui troverete un mio piccolo contributo 🙂

Via Francigena del Sud: quando andare

L’intera Via Francigena del Sud, da Roma a Santa Maria di Leuca, è percorribile tutto l’anno. Detto ciò, sconsiglio fortemente di farla nei mesi più caldi perché c’è da morire, si attraversano territori dove l’acqua scarseggia e, almeno per la tratta Bari – Brindisi, non c’è un filo d’ombra. Quindi no luglio e agosto, ma magari neanche la prima metà di settembre. I mesi migliori sono quelli primaverili e autunnali, dove si trovano belle giornate e non si rischia un’ustione di secondo grado al sole. Quanto alla mia esperienza, chiunque mi aveva detto che inizio ottobre sarebbe stato il periodo perfetto per farlo e che ci sarebbe scappato anche un bagno in mare. Povera illusa, ho portato il costume. Me l’hanno ripetuto talmente tante volte che ha piovuto tutti i giorni una quantità d’acqua inimmaginabile e ha fatto un freddo assassino. Certi giorni ho avuto scarpe e vestiti talmente bagnati che dopo due lavaggi puzzavano ancora di muffa. Ma, in fondo, si cammina per un po’ d’avventura, no?

In sintesi: partite in primavera, autunno e magari anche in inverno se non c’è maltempo. Se la Puglia non tradisce, troverete un meteo senz’altro migliore di quello che abbiamo trovato noi.

Pro e contro della via Francigena da Bari a Brindisi

Il percorso da Bari a Brindisi, a detta di molti camminatori che hanno condiviso il percorso con me, è uno dei più belli della Francigena del Sud, se non forse della Francigena intera. Da Bari si lascia progressivamente la città rimanendo lungo il mare fino a Monopoli, e poi alternando mare e entroterra fino a Brindisi. Anche se non è interamente sul mare, è comunque la tratta più costiera di tutto il percorso in Puglia.

Pro:

  • Varie tappe lungo il mare, a volte con paesaggi mozzafiato (ad es. le scogliere intorno a Polignano)
  • Dislivello pari a zero in quasi tutte le tappe, non serve grande allenamento
  • Il percorso tocca città e borghi splendidi, siti archeologici di grande interesse (ad es. Egnazia) e aree protette (ad es. la riserva di Torre Guaceto, Parco naturale Dune Costiere)
  • Anche quando non toccate dal percorso, si possono fare facilmente deviazioni per altre città, come la splendida Ostuni
  • Si alternano aree urbane e abitate a aree di campagna, ma raramente si è in mezzo al nulla, in caso si abbia bisogno di aiuto
  • La segnaletica è buona e il sentiero principale è chiaro, salvo, a detta di altri camminatori, una parte della tratta costiera Torre Canne – Torre Santa Sabina, che è però considerata una variante
  • Il sentiero, quando l’ho percorso, era abbastanza pulito, anche se questo non vale per altre parti della Puglia, sempre a detta di altri camminatori

Contro:

  • Le tappe sono prevalentemente su asfalto, seguendo stradine secondarie poco trafficate. Questo per me è il lato negativo peggiore, perché l’asfalto è la superficie peggiore per camminare, anche a chi non ha piedi disgraziati come i miei
  • Alcune tappe sono molto lunghe (30-35km) e difficilmente spezzabili, se si deve trovare un posto dove dormire.
  • Ci sono ancora poche strutture dove dormire a basso costo, specie se si è da soli
  • Nelle tappe che ho percorso, non abbiamo praticamente mai trovato acqua lungo il percorso
  • È un sentiero da fare palesemente in bassa stagione, perché è praticamente tutto sotto il sole, sia lungo il mare, sia in mezzo agli uliveti
  • Ci sono poche aree attrezzate per la sosta, anche se quelle che abbiamo trovato erano tenute bene

Via Francigena del Sud, da Bari a Brindisi: le tappe

1. Bari – Mola di Bari, 23.9km

Onestamente, a me le tappe urbane non dispiacciono. Non sono quelle più idilliache, ma offrono spaccati, graffiti, baracchini, insegne e presenze da zone che da turista non attraverseresti mai, e che in mezzo alla campagna non troveresti. La tratta è quasi tutta lungo il mare, che è ovviamente un mare urbano e quindi diverso da quelli che si incontrano nelle tappe successive. Ogni tanto ci si gira e si trova il tetto sobrio e solido di San Nicola di Bari, la basilica dall’anima cattolica e ortodossa insieme nel cuore di Bari Vecchia. Noi siamo partit3 proprio da lì, seguendo il lungomare di Bari fino al carinissimo porticciolo di Torre a Mare. Poco dopo, si vira nell’entroterra, per aggirare la statale, che ci ruba il sentiero. Si vorrebbe rimanere lungo il mare, ma non si può: ecco, in questi casi non si può non provare un pizzico di rabbia per chi ha costruito le strade carrabili dove le ha costruite. Gli uliveti sono curatissimi e splendidi, punteggiati di casottini bianchi o grigi, a volte dalle forme bizzarre. Di Mola di Bari non avevo mai sentito parlare, e invece è uno dei paesini che più mi sono piaciuti di questa Via Francigena del Sud: sincero, senza pretese, accogliente e genuino. La piazzetta centrale è splendida, così come la fortezza angioina, mai espugnata.

2. Mola di Bari – Monopoli, 29.2km

Questa è senza dubbio la tappa migliore di questo pezzo di Francigena del Sud ed è interamente lungo il mare. Da Mola di segue un piccolo lungomare urbano, che a tratti torna nell’entroterra per poi sbucare di nuovo sulla costa, che da Cozze in poi diventa selvaggia e frastagliata, con piccoli sentierini in riva al mare, accompagnati dagli immensi fiori di agave. A tratti, sembrava di stare su un’isola deserta, popolata solo di piante esotiche e legni levigati dal mare. L’arrivo a Polignano poi è irreale. Risaputamente cittadina splendida, le scogliere che proseguono verso sud sono ancora più belle. Si passa lo scoglio dell’eremita fino a Torre Incina attraverso panorami mozzafiato, in bassa stagione disabitati. Noi li abbiamo trovati battuti da una pioggia impietosa e da un mare in burrasca, ma non per questo erano meno drammatici e affascinanti. Senz’altro la mia tappa preferita. Con Monopoli si conclude in bellezza.

3. Monopoli – Torre Canne, via Savelletri, 30.9km

La tappa da Monopoli a Torre Canne prosegue lungo la costa fino a Capitolo, e da lì vira nell’entroterra allungando un po’ fino al museo archeologico di Egnazia, che ho trovato interessantissimo, nuovo di pacca e gestito da persone molto appassionate. Ci sarebbe da fermarsi almeno un paio d’ore per esplorare a fondo anche l’area archeologica e non solo il museo: valutate se preferite tirare dritto lungo la statale sul mare, accorciando la tappa, o se allungare su un percorso con meno asfalto e più piacevole, che incrocia l’area archeologica. Da Egnazia si prosegue per le contrade di Monopoli, tutte uliveti e coltivazioni profumatissime, fino a Torre Canne, sul mare, con un bellissimo faro bianco. A Torre Canne e alla successiva Torre Santa Sabina la possibilità di alloggio è limitata: nel caso, valutate di deviare il sentiero su Fasano e su Ostuni (tappa successiva), se trovate ospitalità a prezzi più vantaggiosi. Se volete spezzare la tappa, Savelletri è una buona opzione.

4. Torre Canne – Torre Santa Sabina, 31.2km

Tra Torre Canne e Torre Santa Sabina l’app della Via Francigena dà due sentieri: uno, nell’entroterra, da cui parte anche la deviazione per Ostuni, e uno costiero. Quello costiero è più breve di circa 10km, attraversa zone più interessanti e passa direttamente sulla spiaggia, ma poi, chi l’ha percorso, dice che non è interamente fattibile come da tracciato e bisogna percorrere la statale. Quello più lungo è tutto su asfalto, ma attraversa i territori di splendide masserie storiche e regala alcune scoperte interessanti, come il dolmen di Montalbano, del II-III millennio a.C. Se proseguirete fino a Ostuni, il sentiero sale leggermente e regala una vista incredibile, decisamente rara da queste parti in Puglia.

5. Torre Santa Sabina – Brindisi, 32.9km

L’ultima tappa della Via Francigena del Sud da Bari a Brindisi è molto lunga, ma include uno dei tratti più belli di tutto il percorso, tra Torre Santa Sabina e la riserva di Torre Guaceto, paesaggisticamente molto diversa da quanto visto prima: sulle sabbie bianche nidificano le tartarughe comuni, le caretta caretta. Un centro invece le salva quando sono in ipotermia o vengono pescate accidentalmente dai pescatori. Grazie al Road to Rome 2021 abbiamo potuto visitare il centro e vedere le tartarughe nelle vasche, ma come camminatori singoli è senz’altro più macchinoso organizzare una visita. Non tutto il parco è accessibile a piedi e bisogna verificare le aree dove si può passare sul sito della riserva. La Torre Guaceto, dall’etimologia araba al Gawsit, che vuol dire forse «fiume d’acqua dolce», è stupenda, perfettamente conservata e offre una vista mozzafiato sull’area circostante e sul porto di Brindisi. Dalla riserva si prosegue verso sud su percorsi meno entusiasmanti, ma con una perla: a fianco dell’aeroporto di Brindisi c’è Santa Maria del Casale, una chiesa dagli affreschi trecenteschi impressionanti, salvati dal tempo perché coperti da uno strato di calce. I tratti di molte figure ritratte sono bizantineggianti, compaiono anche palme, melograni, fichi, un giudizio universale e un bellissimo albero della vita. Senz’altro la sorpresa artistica più grande di tutto il tragitto. L’arrivo a Brindisi da nord è molto bello. Dal monumento al marinaio d’Italia si prende un piccolo battello che porta al centro storico. Al termine della via Appia e nel luogo di morte di Virgilio, nel 19 a.C., di ritorno dalla Grecia, è finita la mia Francigena, mentre il resto del gruppo ha proseguito fino a Santa Maria di Leuca, concludendo la staffetta in pompa magna.

Per oggi è tutto e spero che questa incursione pugliese vi sia piaciuta.

Rimango attiva su Instagram e sul canale Telegram, e aggiorno di eventi e viaggi di gruppo nelle mie Newsletter.

Vi aspetto lì!
Eleonora

Prodotti consigliati in questo articolo

La via Francigena del sud: su Amazon e Feltrinelli.
Vi consiglio inoltre di dare un’occhiata a questo articolo, in cui ho scritto della mia attrezzatura da trekking.

Questo post può contenere link affiliati o sponsorizzati.
Seguite Pain de Route su Instagram o iscrivetevi alla newsletter.

Condividi il post sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli che potrebbero interessarti

Italia

«Perché volevo stare tranquillo». Il selvaggio vero, in Val Grande

Danimarca

Sull’isola di Bornholm in bicicletta, tra memoriali sovietici, paesini in riva al mare e shelter nel bosco

Asia Centrale - Balcani

La mia attrezzatura da viaggio e trekking

Francia

GR20 in Corsica: come organizzare il trekking parte Nord

Italia

Cammini italiani sugli Appennini da fare in alternativa alla Via degli Dei

Italia

Majella, trekking al Monte Amaro da Caramanico con notte al Bivacco Pelino (2793m)

Italia

Storia di un uomo e di un bivacco in cima alla Majella, in Abruzzo

Italia

Via dei Monti Lariani: da Pian delle Alpi al monte Colmegnone lungo le strade dei contrabbandieri del lago di Como

lago di ridracoli trekking foreste casentinesi
Italia

Parco delle Foreste Casentinesi: trekking al lago di Ridracoli

Italia

10 trekking panoramici vicino a Milano da fare in giornata

Myanmar

Trekking da Kalaw al lago Inle, Myanmar: info pratiche

petra: trekking
Giordania

Petra: trekking fantastici per esplorare il sito lontano dalla folla

Italia

La Via degli Dei: guida per andare da Bologna a Firenze a piedi

Italia

Isola del Giglio: trekking per esplorare la natura dell’Arcipelago Toscano

Italia

Alla Sacra di San Michele su ferrata: viaggiare leggeri (e senza peccato)

Informativa
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per ottimizzare la navigazione e i servizi offerti, cliccando il pulsante accetta acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per informazioni sui cookie utilizzati in questo sito, visita la Privacy & cookie policy.