Dove mangiare bene a Mosca con meno di 10€

Le prime settimane a Mosca sono state un po’ un trauma culinario. Non sapevo cosa e dove mangiare, tutto costava abbastanza caro e la qualità del cibo spesso era abbastanza scadente. Se non sai dove andare e cosa mangiare, in Russia spesso finisci per intasarti di schifezze da McDonald’s per la disperazione. Ma, credetemi, non è difficile mangiare bene a Mosca (e a poco). E’ importante però informarsi prima, segnarsi i posti giusti e organizzare un minimo gli spostamenti. I miei amici russi sono stati fondamentali per orientarmi. E Pain de Route, questo blog-destino, mi ha portato Arianna, un’appassionata/ossessionata dal buon cibo di stanza proprio a Mosca. E’ stata mia compagna di camminate e cene gustose nella primavera moscovita, mi ha consigliato moltissimi posticini e ha pensato insieme a me l’idea alla base di questa lista sul “dove mangiare bene a Mosca” senza spendere troppo. Davaite!

Alcuni concetti base per mangiare bene a Mosca

1. State alla larga dai restoràn

In Russia, restoràn significa cameriere coi guanti bianchi, red carpet all’ingresso e conto a sei zeri. Statene alla larga, se non volete aprire un mutuo per una cena sbagliata a Mosca!

2. Apritevi alle gioie della stolòvaya

La stolòvaya è dove mangiano i russi tutti i giorni a pranzo nonché l’idea perfetta per mangiare bene a Mosca. Chi la traduce con mensa non ha un cuore, ma soprattutto non ha una stolòvaya di fiducia o non è mai stato in una mensa italiana!
Il concetto della stolòvaya è riempirsi la pancia con un pranzo completo, con cibo semplice ma gustoso, di solito della tradizione russa. E a prezzi molto, molto contenuti.
La stolòvaya è di solito organizzata a buffet: potete scegliere voi le cose che preferite prendendole da soli o facendovi servire dalle bàbushki che ci lavorano (se non parlate russo è comunque facilissimo, basta indicare e dire eto, pron. èta, ‘questo’). Si può pagare i piatti singolarmente o leggere il foglio all’inizio del percorso controllando cosa è incluso nel business lunch del giorno (alcune stolovye lo chiamano anche obed, pron. abiéd, ‘pranzo’), e avere un prezzo forfait molto vantaggioso, che può andare dai 120rub (2€) ai 260 (4.5€).

Ma cosa si mangia in una stolòvaya?

Di solito il business lunch/obed comprende una piccola insalatina a scelta (spesso è cavolo e carote, ma anche alghe o barbabietole), un bicchiere di tè, di succo a scelta o di mors, una specie di succo di bacche ben zuccherato tipico russo; una zuppa a scelta tra verdure, pollo o il classico borsch, la zuppa di barbabietola originaria dell’Ucraina; e poi un piatto principale, che è di solito composto da carne (polpette, pollo, kotlety) più garniry, cioè un contorno a scelta tra riso, grechka (grano saraceno bollito, molto grezzo, ma da provare), puré, pasta scotta in bianco che dovete evitare come la peste oppure qualche verdura (ma molto raramente). In alternativa si trova spesso il plov uzbeco cucinato à la russe. Che ovviamente non è paradisiaco come quello in Uzbekistan, ma ha comunque una sua dignità. Brutalmente, è un’insalata di riso con carote gialle, carne di agnello tenerissima, cumino e spezie varie più uvetta (in Russia).

Molto poco per vegetariani, se ve lo stavate chiedendo 😉

3. Sono tutte catene, fatevene una ragione

A Mosca centro gli affitti sono così astronomici che non esistono ristorantini a conduzione familiare, trattorie o posticini speciali da instagrammare come in altre città della Russia. Sono tutte catene, punto. Fatevene una ragione. Molte catene però sono stolovye (vedi sopra), quindi molto “familiari” nell’aspetto e nel gusto.

Altro vantaggio grandissimo è che poco prima della chiusura quasi tutte le catene scontano tutto il cibo rimasto fino al 50%: se avrete pazienza, potete mangiare bene spendendo poco più di 1€ 🙂

I quartieri dove mangiare a Mosca

dove mangiare bene a Mosca

Credits: gudaturi.com

Essendo quasi tutte catene, non vi forniremo molti indirizzi precisi di ristoranti, perché sono sparsi in tutta la città e spesso sono vicini alle fermate della metro, specialmente quelle più centrali. Ad esempio, intorno ad Okhotny Ryad (Piazza Rossa) ci sono moltissimi dei nomi che vi ho citato qui sotto. Farete prima a cercare su Google se c’è, ad esempio, un Mu-Mu non lontano da voi.

Altre due aree turistiche con altissima concentrazione di ristoranti sono la vecchia Arbat e il quartiere di Kitai Gorod, che per mangiare è perfetto. Prendete la ulitsa Maroseika e proseguite finché non cambia nome e diventa ulitsa Pokrovka: sono vie splendide e ci troverete moltissimi dei nomi citati qui sotto. In alternativa anche ulitsa Myasnitskaya, che si prende subito fuori dalla metro di Lubianka, è ricchissima di indirizzi interessanti.

Un altro consiglio: da veri painderoutiani, portatevi l’acqua da casa. I russi di solito non comprano l’acqua minerale, che al ristorante si paga cara, ma bevono birra, mors, succhi vari (da provare, sono tutti buoni) oppure l’acqua purificata che hanno a casa da un distributore. Questo a volte incide sul prezzo finale dei pasti!

Dove mangiare buono ed economico a Mosca

Molto economici (3-7€)

Mu-Mu – la catena-stolovaya della cucina russa per eccellenza. Pratico ed economico buffet, spesso tradotto anche in inglese. A Mosca è ovunque ed è un porto sicuro se proprio non sapete dove andare. Birra media a 90rub, zuppe sempre buone, buona scelta di insalatine e dolci. Caramella mou in omaggio! Ce n’è uno ad Okhotny Ryad proprio sotto il McDonald’s all’ingresso dei Giardini di Alessandro. Un altro molto bello è a Lubianka, in ul. Myasnitskaya 14. Evitate quello di Stariy Arbat, piccolo e infelice.

Khinkhali Point ul. Zabelina 1, Kitai Gorod. Una vera chicca, ma non abbiamo ancora capito se è una catena o no. Cibo georgiano di altissima qualità a prezzi onestissimi. Imperdibili i rotolini di melanzane e ripieno di noci, i classici enormi ravioli khinkhali e il khachapuri, una specie di focaccia ripiena di formaggio fuso che vince a mani basse su qualsiasi altro cibo mangerete a Mosca. Buone anche le zuppe, provate quella di zucca. Torte spaziali, quella di carote è metafisica. Posto ideale per mangiare bene a Mosca.

dove mangiare bene a Mosca con meno di 10 euro

Un khachapuri Adzharuli

Stolovaya 57 – se pensavate che al Gum, in Piazza Rossa, ci fossero solo Prada e Versace, vi sbagliate: al terzo piano in fondo a destra c’è una stolovaya in stile sovietico con cibo di ottima qualità e prezzi molto bassi. Spesso affollata!

Grabli – un’altra stolovaya arredata in stile mostri dei bambini nei regni incantati (chiaro, no?). Buona scelta in tutti i settori, sconto 50% dopo le 21 (si spende davvero niente, una volta ho cenato con 1.80€). Uno molto grande e bello è all’ultimo piano del Detskij Mir di Lubianka, un centro commerciale per bambini dal cui tetto si ha una vista mozzafiato su Mosca!

Kroshka Kartoshka – fast food a base di patate, ma senza patatine fritte. Le servono cotte al forno con la buccia, ripiene di quello che volete voi: potete scegliere dal bancone. Buono, semplice ed economico.

Kafìn – un barettino che vende qualsiasi cosa a 50 rubli (poco meno di 1€): torte, panini, tramezzini, brioches, panini dolci etc etc. Più raro da trovare, ce n’è uno dentro la Leningradskij Vokzal.

Vai-Me – fast food georgiano semplice e un po’ commerciale. La qualità non è stellare, ma tutto si lascia mangiare volentieri. Selezione di musica folk georgiana strepitosa, se vi piace il genere (io lo adoro). Ce n’è uno in Myasnitskaya 11 (metro Lubianka).

I khinkhali, i famosissimi ravioloni georgiani da mangiare con le mani, bevendo prima il brodo che contengono. Con vitello, maiale, patate e funghi oppure il classico formaggio (il mio preferito).

Cheburechnaya – forse l’unica non-catena supercheap che conosco. A Kitai Gorod, micro bar che fa cheburek (pasta sfoglia ripiena di carne, formaggio o altro) molto unti e molto buoni per poche decine di rubli.

Schaurma – è il kebab centroasiatico. Nel centro-centro i baracchini scarseggiano, ma ad Arbat per esempio ne è pieno. Buono? E’ un’esperienza.

Economici (7€-10€)

Il giardino botanico di Prospekt Mira, circondato da tantissimi ristoranti

Fratelli Karavaev – che continuerò a chiamarlo Fratelli Karamazov. Pochi indirizzi ma strategici, cercateli su Google come “Karavaev Brothers”. Una via di mezzo tra una gastronomia e una stolovaya: qualità del cibo altissima, tutto sempre fresco e gustosissimo, anche il cibo italiano (lasagne, tiramisù etc). Dopo le 19.30 fanno sconti del 20-30% su tutto. Occhio alla distinzione tra prezzo al pezzo (ШТ) e per 100g (г).

Teremok – il fast food russo dei bliny, cioè delle normalissime crepes che fomentano l’orgoglio patirottico russo (?). Più si paga, più sono ricche e buone. Quelle supercheap non sono un granché. Solo roba tipica russa, buona da prendere al volo.

Medi (10-15€)

Taras Bulba – catena di ristorantini ultra-tipici ucraini. Rimarrete scioccati da come sono addobbati gli interni. Ottima musica folk ucraina e cibo buonissimo. Prezzi normali ma porzioni non troppo abbondanti. Da provare! Ce n’è uno alla fine di ul. Petrovka, angolo Petrovsky blvd.

Market Place – idealmente come un mercato, si prende una tessera e si va ai vari stand a prendere ciò che si vuole: insalatone, noodles, cous-cous, cibo tradizionale russo, carne alla griglia, pasta o dolciumi. Bella l’idea, grande e molto carino il posto. Si paga alla fine riconsegnando la tessera con il conto già caricato. Cibo buono, porzioni piccole e non troppo economico. Sono sempre uscita che avevo un pochetto fame, però. Ulitsa Myasnitskaya 13.

Un po’ più cari (15€ e oltre)

pinzeria by bontempi moscow dove mangiare bene a mosca con meno di 10 euro

Pinzeria by Bontempi – Se come me non sapevate cosa fosse la pinza, è il momento di scoprirlo! Una pizza leggerissima fatta con una ricetta antichissima. Raramente ho mangiato cibo italiano così buono persino in Italia, tutto iperfresco e veramente italiano. Un filo elegante, ma non troppo. Prenotazione indispensabile, siate puntualissimi.

Pushkin Café – prezzi non painderoutiani, ma il Pushkin va citato. Caffè più chic di tutta Mosca, fa una cioccolata da 1000rub (15euro) che, a detta di Arianna, li vale fino all’ultimo centesimo. Provate anche le torte, se siete in vena di follie.

Che non ho provato ma che mi ha consigliato Arianna

So’ boni tutti, eh, ma il Khinkhali Point mi ha trafitto il cuore (foto di mamma in visita a Mosca)

Moscow Delhi – indiano, un po’ caro ma molto buono.

Laflafel – vegetariano molto carino, non l’ideale per sfondarsi di cibo a poco prezzo, ma se volete qualcosa di mediorientale (è israeliano), curato e buono per un pasto leggero questo è il posto giusto.

Druzhba – cinese autenticissimo, frequentato da cinesi. Caruccio ma buono.

Lao-Lee – quasi fast food vietnamita. Poca scelta nel menù ma c’è tutto il necessario a sfamarsi con gusto e a prezzi bassi.

Sheik Shak – vero hamburger americano, consigliato da Arianna (che è americana!).

Nagoya – giapponese buono. Occhio ai giapponesi tarocchi perché a Mosca la salmonella nel sushi impera, soprattutto nella catena Sushi Shop! Metà dormitorio è stato male con quello sotto casa. Di questo ci si può fidare. Prezzi da giapponese.

Varenichnaya – torte e dolcetti vari, ma non solo. Curato e buono, straconsigliato da Arianna.

Chaikhona n°1 – uzbeco di default ma con menù vario ed economico. Ci trovate persino la pizza.

Pirosmani – georgiano in Arbatskaya. Carino e sempre buono: è georgiano! Più costoso del Khinkhali point, il mio preferitissimo a Kitai Gorod.

Altri posti che mi avete consigliato voi lettori (grazie!)

Andrea consiglia di mangiare alle vypechki (chioschi-panetteria) dei monasteri: ci troverete i deliziosi pirozhki, dei fagottini di pane riempiti con carne, patate, funghi o persino dolci. Decisamente da provare, economicissimi e perfetti per uno spuntino veloce. Altra alternativa sono le mense dei monasteri (trapeznaya), dove si mangia a poco prezzo o addirittura con offerta libera. Andrea segnala il bellissimo monastero Vysoko Petrovskij, sulla ul.Petrovka, e quello di San Clemente a Zamoskvoreche, ma il centro di Mosca pullula di monasteri, basta aguzzare la vista 😉

Olga ci consiglia il Danilovsky Rynok (il Mercato Danilov), vicino alla metro Tulskaya (sud di Mosca). Tutto è molto fresco e a prezzi contenuti, ci sono cucine di tanti paesi diversi. Chiara consiglia in particolare la Dagestanskaya Lavka (molto buona, sia i ravioli di carne che il pane e formaggio detto ‘chudu’).

Chiara e Arianna consigliano la gastronomia del supermercato Azbuka Vkusa, onnipresente e di solito molto caro (ma anche con prodotti di altissima qualità), che però alla sera sconta molti cibi già pronti fino al 50%. Se siete alla ricerca di prodotti freschissimi e buoni, anche a prezzi più alti, questo è il supermercato giusto. Alcuni hanno persino tavolini dove fermarsi a mangiare. Chiara consiglia quello sotto il Lotte Plaza, molto elegante.

Sempre Chiara consiglia Iskra in ulitsa Petrovka, oltre il Chistoprudny Bulvar: ha mangiato il pollo migliore della sua vita, con marinature incredibili diverse da stagione a stagione. Assolutamente eccellente.

Un posto che sembra davvero eccezionale, sempre consigliato da Chiara, è Chaynaya Vysota, che è una casa da tè: un piccolo gioiello con una zona tè dove si può stare seduti o a gambe incrociate lasciando rigorosamente le scarpe all’ingresso e dove si possono provare vari gelati (dai gusti particolari, ma quanto di più simile a un gelato occidentale che ha trovato a Mosca – per dire, non confezionati o della macchinetta) a base di tè, con gusti tipo ‘tè e latte di renna’ o al gusto di ‘pane di Borodino’. Da Chaynaya Vysota il personale fa anche la cerimonia del tè. Hanno tantissime varietà che si possono ‘testare’ con l’olfatto prima di ordinare e portano un vassoio con il thermos di acqua calda e tutti gli accessori, tra filtri, tazze e tazzine, per prepararlo. E lo lasciano lì. La volta in cui ci è andata ho passato tipo tre/quattro ore in compagnia a bere altrettanti litri di tè. Wow, che roba!

Un’altra catena meritevole ma un po’ più cara, consigliata dall’espertissima Chiara, è LavkaLavka, quanto di più simile ai nostri luoghi di ristoro ‘bio-chic/finto popolare’ (dati i prezzi), però molto buono e come ‘esperienza’ di mangiare piatti molto russi (stufati, rape, patate, orzo…) a una tavolata tipo mensa con commensali esimi sconosciuti ne vale la pena. Aggiungo io che alcuni punti LavkaLavka vendono anche cibi da portare via tipo supermercatino chic, un po’ cari ma di ottima qualità.

5 Commenti

    1. Ciao Firdaws, chiaramente c’è qualcosa di senza glutine (verdura, zuppe etc.), però certamente non è certificato. Se hai una celiachia grave, francamente non ci andrei, perché niente ti può garantire che abbiano usato gli stessi utensili per cibi con e senza glutine, specie nelle stolovye “caserecce” e non nelle catene, dove forse hanno qualche attenzione in più. Cerca qualcosa di specificamente gluten-free, molti ristoranti ce l’hanno e sono attenti a questo aspetto 🙂

  1. Firdaws

    Ho capito, comunque per fortuna la mia non è grave. Ho provato a cercare sia a Mosca sia a San Pietroburgo perchè ci vorrei andare quest’anno ma non trovo nulla. Tu sai indicarmi per caso qualche posto in cui non costi molto? Oppure dove cercare?

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.